Quota 100 come funziona

0
1726
quota 100

La misura previdenziale che prende il nome di Quota 100 permette di andare in pensione a 62 anni, avendo almeno 38 anni di contributi.

Questa riforma nella sostanza consente di ritirarsi 5 anni prima dal lavoro con una decurtazione sull’assegno pensionistico pari al 25% dell’intero ammontare dell’assegno stesso.

Altrimenti le persone in via di pensionamento possono rifiutarsi di farsi decurtare tale cifra rinunciando al prepensionamento e andando a maturare la pensione di vecchiaia che rimane quella che era prima di questa riforma.

Per la pensione di vecchiaia, va però ricordato che nel 2019 l’età pensionabile subisce un aumento a 67 anni a meno che non vi siano degli adeguamenti relativi al tema della speranza di vita che è stata collegata al diritto di andare in pensione.

La Quota 100 dal mese di febbraio 2019 viene destinata, possibilmente, a tutti i lavoratori, e non sussisteranno penalizzazioni sull’assegno se non quella del 25% in meno.

Finestre di uscita per la quota 100?

Se ve lo state domandando è bene sapere che queste saranno 3 fisse per ogni anno, tali finestre si sono rese necessarie al fine di scaglionare i pensionamenti. Nella sostanza se mancano due mesi alla finestra e si esce anticipatamente occorrerà alla persona anticipatamente pensionata, attendere il mese della finestra per ricevere il suo 1° assegno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here